dal Libro del Siracide

2
Abbi un cuore retto e sii costante, non ti smarrire nel tempo della prova
Accetta quanto ti capita e sii paziente nelle vicende dolorose

3
DOVERI VERSO I GENITORI
Chi onora sua madre è come chi accumula tesori. Chi obbedisce al Signore darà consolazione alla madre.
Con le azioni e con le parole onora tuo padre, perché scenda su di te la sua benedizione, poiché la benedizione del padre consolida le case dei figli, la maledizione della madre ne scalza le fondamenta.
Figlio, soccorri tuo padre nella vecchiaia, non contristarlo durante la vita. Sii indulgente anche se perde il senno, e non disprezzarlo, mentre tu 6 nel pieno vigore.
Chi abbandona il padre è come un bestemmiatore, chi insulta sua madre è maledetto dal Signore.

L’ORGOGLIO
Un cuore ostinato alla fine cadrà nel male, chi ama il pericolo in esso si perderà. Un cuore ostinato sarà oppresso dagli affanni.

LA SAPIENA EDUCATRICE
Chi ama la sapienza ama la vita, chi la cerca di buon mattino sarà ricolmo di gioia.

PUDORE E RISPETTO UMANO
Tieni conto del momento e guardati dal male, e non avere vergogna di te stesso.
Non sottometterti a un uomo stolto, non essere parziale a favore di un potente. Lotta sino alla morte per la verità.

5
Non confidare nelle tue ricchezze e non dire “basto a me stesso”

FERMEZZA E DOMINIO DI SE’
Sii costante nelle tue convinzioni, e una sola sia la tua parola.

6
L’AMICIZIA
Siano molti quelli che vivono in pace con te, ma il tuo consigliere uno su mille.
C’è infatti chi è amico quando gli fa comodo, ma non resiste nel giorno della tua sventura.
Un’amico fedele è medicina che dà vita

LA SCUOLA DELLA SAPIENZA
Figlio, sin dalla giovinezza ricerca l’istruzione e fino alla vecchiaia troverai la sapienza. Accostati ad essa come uno che ara e che semina, e resta in attesa dei suoi buoni frutti.

8
Con un temerario non metterti in viaggio perché non ti sia di peso; egli camminerà infatti secondo il suo capriccio e con lui andrai in rovina per la sua stoltezza.

10
CONTRO L’ORGOGLIO
Non irritarti con il tuo prossimo per un torto qualsiasi e non fare nulla in preda all’ira.

11
NON FIDARSI DELLE APPARENZE
L’ape è piccola tra gli esseri alati, ma il suo prodotto è il migliore tra le cose dolci.

RIFLESSIONE LENTEZZA
Prima rifletti e poi condanna . non rispondere prima di avere ascoltato, e non interrompere il discorso di un altro.

13
Non portare un peso troppo grave per te, non associarti a uno più forte e più ricco di te.

15
Se tu vuoi, puoi osservare i comandamenti; l’essere fedele dipende dalla tua buona volontà. Egli ti ha posto davanti fuoco e acqua : là dove vuoi tendi la tua mano.

17
Il Signore creò l’uomo e la terra e ad essa di nuovo lo fece tornare. Egli assegnò loro i giorni contati e un tempo definito, dando loro potere su quanto essa contiene.

18
Non seguire le passioni, poni un freno ai tuoi desideri

19
Chi disprezza le piccole cose cadrà a poco a poco
Il vestito di un uomo, la bocca sorridente e la sua andatura rivelano quello che è.

20
Regali e doni accecano gli occhi dei saggi, come bavaglio sulla bocca soffocano i rimproveri.

21
Chi osserva la legge domina il suo istinto
Lo stolto alza la sua voce quando ride, ma l’uomo saggio sorride appena sommessamente.
Il piede dello stolto entra subito in una casa, ma l’uomo prudente è rispettoso verso gli altri.

22
Un discorso inopportuno è come musica in caso di lutto, ma frusta e correzione sono saggezza in ogni tempo.
Parlare a uno stolto è parlare a chi ha sonno
Una travatura di legno ben connessa in una casa non viene scompaginata da un terremoto, così un cuore consolidato da matura riflessione, non si scoraggia dal momento critico. Un cuore sorretto da sagge riflessioni è come un bel fregio su parete levigata.
Conquìstati la fiducia del prossimo nella sua povertà, per godere con lui nella sua prosperità

24
Ho percorso da sola il giro del cielo, ho passeggiato nelle profondità degli abissi. Sulle onde del mare e su tutta la terra, su ogni popolo e nazione ho preso dominio. Fra tutti questi ho cercato un luogo di riposo, qualcuno nel cui territorio potessi risiedere.

con la mia forza ho piegato il cuore dei potenti e degli umili.

“io sono la madre del bell’amore e del timore, della conoscenza e della santa speranza; eterna, sono donata a tutti i miei figli, a color che sono scelti da lui.
Non cessate di rafforzarvi nel Signore, aderite a lui perché vi dia vigore.

25
Di 3 cose si compiace l’anima mia, concordia tra fratelli, amicizia tra vicini, moglie e marito che vivono in piena armonia
Se non hai raccolto in gioventù, che cosa vui trovare nella vecchiaia?
Preferirei abitare con un leone o con un drago piuttosto che abitare con una donna malvagia. La malvagità di una donna ne altera l’aspetto, rende il suo volto tetro come quello di un orso.

26
Una donna valorosa è la gioia del marito, egli passerà in pace i suoi anni. Una brava moglie è davvero una fortuna, viene assegnata a chi teme il Signore.
È un dono del Signore una donna silenziosa, non c’è prezzo per una donna educata
Figlio conserva sano il fiore dell’età e non affidare la tua forza a donne straniere.
La donna che grida ed è chiacchierona è come tromba di guerra che suona la carica. L’uomo che si ritrova in simili condizioni passa la vita tra rumori di guerra.
È difficile che il commerciante sia esente da colpe e il rivenditore sia indenne da peccato.

27
Tra la compera e la vendita si insua peccato
Il frutto dimostra come è coltivato l’albero, così la parola rivela i pensieri del cuore.
Tra gli insensati non perdere tempo, tra i saggi invece fermati a lungo.
Chi svela i segreti perde l’altrui fiducia e non trova più un amico per il suo cuore
Chi scava una fosse vi cade dentro, chi tende un laccio vi resta preso. Il male si ritorce su chi lo fa.

28
Un uomo che resta in collera verso un altro uomo, come può chiedere la guarigione al Signore?
La sua ira cresce in base alla sua ricchezza
Se soffi su una scintilla divampa, se vi sputi sopra si spegne; eppure ambedue le cose escono dalla tua bocca.

29
Perdi pure denaro per un fratello e un amico; non si arrugginisca inutilmente sotto una pietra
Aiuta il tuo prossimo secondo la tua possibilità e bada a te stesso per non rovinarti.
Le prime necessita della vita sono acqua, pane e vestito, e una casa che protegga l’intimità.

30
Chi ama il proprio figlio usa spesso la frusta per lui, per gioire di lui alla fine.
Un cavallo non domato diventa caparbio, un figlio lasciato a se stesso diventa testardo
Non concedergli la libertà in gioventù, non prendere alla leggera i suoi errori.
Educa tuo figlio e prenditi cura di lui, così non dovrai sopportare la sua insolenza
Salute e vigore valgono più di tutto l’oro, un corpo robusto più di un’immensa fortuna.
Non c’è ricchezza superiore alla salute del corpo e non c’è felicità più grande della gioia del cuore
Non darti in balìa della tristezza e non tormentarti con i tuoi pensieri. La gioia del cuore è la vita dell’uomo, l’allegria dell’uomo è lunga vita
Distraìti e consola il tuo cuore, tieni lontana la profonda tristezza
Un cuore limpido e sereno si accontenta dei cibi e gusta tutto quello che mangia.

31
A partire da te intendi i desideri del tuo prossimo e su ogni cosa rifletti
Non fare lo spavaldo con il vino, perché il vino ha mandato molti in rovina.
Allegria del cuore e gioia dell’anima è il vino bevuto a tempo e a misura

32
In tutto ciò che fai abbi fiducia in te stesso, perché anche questo è osservare i comandamenti

33
Finchè vivi e in te c’è respiro, non abbandonarti al potere di nessuno.

36
Dove non esiste siepe, la proprietà viene saccheggiata, dove non c’è donna, l’uomo geme randagio. Così è per l’uomo che non ha un nido e che si corica là dove lo coglie la notte.

37
Non consigliarti con chi ti guarda di sbieco e nascondi le tue intenzioni a quanti ti invidiano.
Frequenta invece un uomo giusto, di cui sai che osserva i comandamenti e ha un animo simile al tuo. Attieniti al consiglio del tuo cuore, perché nessuno ti è più fedele. Infatti la coscienza di un uomo talvolta suole avvertire meglio di sette sentinelle collocate in alto per spiare. Per tutte qste cose invoca l’Altissimo, perché guidi la tua via secondo verità.

38
Figlio, non trascurarti nella malattia, ma prega il Signore ed egli ti guarirà.
Il dolore del cuore logora la forza. Nella disgrazia rimane il dolore. Non abbandonare il tuo cuore al dolore, scaccialo ricordando la tua fine. Non dimenticare che non c’è ritorno; a lui non gioverai e farai del male a te stesso
Nel riposo del morto lascia riposare anche il suo ricordo; consolati di lui ora che il suo Spirito è partito.
A proposito dei lavori manuali = essi consolidano la costruzione del mondo, e il mestiere che fanno è la loro preghiera.

39
Non bisogna dire” questo è peggiore di quello”. Tutto infatti al tempo giusto sarà riconosciuto buono

40
Tutto quello che proviene dalla terra, alla terra ritorna, quanto viene dalle acque rifluisce nel mare
Ogni corruzione e ogni ingiustizia sparirà, mala fedeltà resterà per sempre.

41
I giorni di una vita felice sono contati, ma il buon nome dura per sempre

43
LE STELLE = Stanno Agli ordini di colui che è santo, secondo il suo decreto, non abbandonano le loro postazioni di guardia

46
Né denari, ne sandali ho preso da alcuno e nessuno potè contraddirlo.

48
ELISEO= nei suoi giorni non tremò davanti a nessun principe e nessuno riuscì a dominarlo. Nulla fu troppo grande per lui, e nel sepolcro il suo corpo profetizzò. Nella sua vita compì prodigi

50
ci conceda la gioia del cuore e ci sia pace nei nostri giorni

51
INNO DI RINGRAZIAMENTO
Ti loderò Signore, Re e ti canterò Dio mio salvatore, loderò il tuo nome, perché sei stato mio riparo e mio aiuto, salvando il mio corpo dalla perdizione, dal laccio di una lingua calunniatrice, dalle labbra di quelli che proferiscono menzogna e di fronte a quanti mi circondavano sei stato il mio aiuto e mi hai liberato, secondo la grandezza della tua misericordia e del tuo nome, dai morsi di chi stava per divorarmi,dalla mano di quelli che insidiavano la mia vita, dalle molte tribolazioni di cui soffrivo, dal soffocamento di una fiamma avvolgente e dal fuoco che non avevo acceso, dal profondo del senso degl’inferi, dalla lingua impura e dalla parola falsa e dal colpo di una lingua ingiusta. La mia anima era vicino alla morte, la mia vita era giù vicino agli inferi.
Mi assalivano da ogni parte e nessuno mi aiutava; mi rivolsi al soccorso degli uomini ma non c’era.
Allora mi ricordai della tua misericordia, Signore, e dei tuoi benefici da sempre, perché tu liberi quelli che sperano in te e li salvi dalla mano dei nemici. Innalzai dalla terra la mia supplica e pregai per la liberaizone dalla morte. Esclamai: “ Signore, padre del mio Signore, non mi abbandonare nei giorni della tribolazione, quando sono senz’aiuto nel tempo dell’arroganza. Io loderò incessantemente il tuo nome, canterò inni a te con riconoscenza”.
La mia supplica fu esaudita: tu infatti mi salvasti dalla rovina e mi strappasti da una cattiva condizione. Per questo ti loderò e ti canterò, e benedirò il nome del Signore.
Onorerò chi mi ha concesso la sapienza. Ho deciso infatti di mettere in pratica, sono stato zelante nel bene e non me ne vergogno. La mia anima si è allenata in essa.
Avvicinatevi a me, voi che siete senza istruzione, prendete dimora nella mia scuola. Perché volete privarvi di queste cose, mentre le vostre anime sono tanto assetate? Ho aperto la mia bocca e ho parlato: “acquistatela per voi senza denaro. Sottoponete il collo al suo giogo e la vostra anima accolga l’istruzione: essa è vicina a chi la cerca. Con i vostri occhi vedete che ho faticato poco e ho trovato per me un grande tesoro.”

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...